Gustav Leohnardt

Clavicembalista, organista, studioso, direttore d'orchestra

Gustav Leohnardt
Gustav Leonhardt è nato il 30 maggio 1928 a Graveland, vicino a Hilversum, in Olanda, e là iniziò gli studi musicali.
Dal 1947 al 1950 frequentò la Schola Cantorum di Basilea, il solo luogo in cui si potesse studiare allora la musica antica in tutti i suoi aspetti (in particolare organo e clavicembalo con Eduard Müller), e musicologia a Vienna, città in cui insegnò poi clavicembalo presso l’Accademia di Musica dal 1952 al 1955.

Nel 1954, a Amsterdam egli iniziò a insegnare clavicembalo al Conservatorio e a suonare alla Waalsekerk su un organo Müller che risaliva al 1734.

Nel 1955, Leonhardt fondò il "Leonhardt Baroque Ensemble", poi diventato il "Leonhardt Consort", che sebbene utilizzasse strumenti moderni svolse un ruolo fondamentale nel processo di rinnovamento della musica antica. Egli suonò con Herreweghe, Harnoncourt e altri importanti musicisti. Del suo complesso faceva parte anche la moglie Marie, violinista.

Gustav Leonhardt Afferma che il clavicembalo è la sua vita, anche se suonare l'organo lo affascina e appassiona.
Leonhardt nei panni di Bach
Leonhardt nei panni di Bach
In un film di Jean Marie Straub, « La cronaca di Anna Magdalena » (1967), Gustav Leonhardt sostenne il ruolo di Bach.

Fra le sue pubblicazioni, uno studio sull'Arte della Fuga di Bach nel 1952.
Nel 1968 curò l'edizione delle opere per tastiera di Sweelinck.

I suoi primi dischi di Bach risalgono agli anni Cinquanta. Nel corso degli anni, ha inciso tutte le composizioni di Bach per clavicembalo.


Nel 1971, Leonhardt e Harnoncourt diedero inizio all'impegnativo progetto di incidere per la Teldec tutte le Cantate sacre di Bach, che li coinvolse per vent'anni.